Sede Legale

Via C. Trabalza, 76 00166 RM

+39 06 68589943

Segreteria

E-Mail

info@confederaziende.org

“Decreto Imprese”

Entro giovedì 6 maggio 2021, salvo diversa data, è prevista da parte del Governo Draghi l’attesa emanazione del Decreto sostegni bis, anche detto Decreto imprese.

È per tale ragione che il Ministero dell’Economia e delle Finanze (MEF) sta ultimando la bozza del testo del detto documento da sottoporre con urgenza al Consiglio dei Ministri che è stato autorizzato dal Parlamento per l’ulteriore scostamento di bilancio di 40 miliardi di euro, portando così il deficit a ben 172 miliardi di euro dall’inizio della pandemia!

I 40 miliardi servono al Consiglio dei Ministri per aiutare famiglie ed imprese a disincagliarsi dalla grave crisi socio-economica causata dalla pandemia da COVID-19 favorendo, nel contempo, il piano di rilancio del Governo denominato PRR (piano ripresa e resilienza), già spedito alla Commissione Europea per il dovuto esame e la conseguente condivisione.

Ecco, qui di seguito, alcune importanti anticipazioni sul contenuto del

“DECRETO SOSTEGNI BIS O DECRETO IMPRESE”

formalmente atteso per il 06 maggio 2021

1°. Ulteriore moratoria di finanziamenti e mutui, almeno fino al 31 dicembre 2021.

2°. Prolungamento della scadenza della restituzione dei prestiti che lo Stato ha garantito col Fondo di garanzia, consentendo addirittura, forse, un rimborso in 30 anni.

3°. Ulteriore differimento del blocco degli sfratti.

4°. Ristori in favore dei proprietari delle di abitazioni affittate che, per la pandemia, hanno avuto la contrazione delle entrate da mancati canoni.

5°. Rifinanziamento del credito d’imposta dei canoni di locazione (60%).

6°. Nuovi contributi a fondo perduto ripetendo la erogazione di quelli del 1° Decreto sostegni o addirittura raddoppiandola.

7°. Incremento del numero dei beneficiari dei contributi a fondo perduto, riducendo dal 30% al 20% il calo del fatturato tra il 2019 e il 2020.

8°. Esenzione del canone Rai per servizi di ristorazione e strutture ricettive.

9°. Rinvio del pagamento di T.O.S.A.P. e COSAP, almeno per 6 mesi. Si ricorda che con il termine COSAP si intende il Canone per l’Occupazione di Spazi ed Aree Pubbliche, mentre con il termine TOSAP ci si riferisce alla Tassa per l’Occupazione di Spazi ed Aree Pubbliche.

10°. Misure ad hoc per il settore del wedding (matrimoni) e degli eventi.

11°. Misure ad hoc in favore delle aziende dei centri storici, particolarmente di quelle operanti nelle cosiddette città d’arte.

12°. Rinvio delle scadenze fiscali correnti fino al 30 giugno 2021.

13°. Stop fino al 31 maggio 2021, sia alle notifiche delle cartelle, sia agli atti di accertamento e con successiva possibilità, per i debitori, di poter dilazionare la somma in 6 anni.